A seguito di attività di indagine coordinata dal dott. Angelo Rubano, sostituto Procuratore presso la Procura di Nocera Inferiore, condotta congiuntamente dalla stazione dei carabinieri di Nocera Superiore e dalla sezione Polizia Giudiziaria della Guardia di Finanza diretta dal Luogotenente Pietro Citro, è stato accertato che D.G., amministratore unico di una società che gestisce molti supermercati nell'Agro Nocerino Sarnese, mediante plurime vessazioni, minacce di ritorsioni e di licenziamento, creava un clima di intimidazione e di costrizione a danno dei suoi stessi dipendenti. In particolare, molteplici dipendenti venivano costretti ad accettare condizioni di lavoro illegittime rispetto al proprio contratto, una retribuzione inferiore rispetto al lavoro prestato, a rinunciare a permessi e riposi, nonché a sottoscrivere quietanze liberatorie con le quali dichiaravano di rinunciare ai crediti di lavoro maturati e non corrisposti.
Il clima di prevaricazione in danno dei dipendenti, creato dall'imprenditore, è giunto al punto di costringere il personale dei supermercati a vendere prodotti scaduti e non più adatti alla venditae al consumo: carne annerita e maleodorante corretta con aggiunta di additivi, pasta scaduta con insetti, frutta e verdura marce. Tali condotte (commercializzazione di prodotti non più vendibili ed estorsioni ai dipendenti) hanno permesso al gestore dei supermercati di intascare illeciti utili per la somma di circa 1,7milioni.

 

 





Leggi anche: