Nell’ambito dell’azione interforze nella ‘Terra dei Fuochi’ disposta dall’Incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio, sono state sequestrate aree per complessivi 2000 mq con depositi abusivi di rifiuti prodotti da lavorazioni illecite. In campo 22 equipaggi, per un totale di circa 53 unità appartenenti al Raggruppamento Campania dell’Esercito, al Commissariato P.S. e alla Stazione Carabinieri di Ponticelli, ai Carabinieri Forestale di Napoli, alla Compagnia Guardia di Finanza di Giugliano e di Portici, al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, alla Polizia Metropolitana, alle Polizie Locali di Napoli, San Giorgio a Cremano, nonché Marcianise, San Nicola la Strada, Castel Volturno, Casal di Principe e Caserta. L’individuazione degli obiettivi è stata effettuata anche grazie all’impiego dei droni da parte dell’Esercito. 10 le attività controllate, di cui 5 sequestrate; 46 persone identificate di cui 5 denunciate e 1 lavoratore in nero; 26 i veicoli controllati. Circa 33 mila euro di sanzioni elevate. Gestione e smaltimento illecito dei rifiuti, inquinamento ambientale, emissioni in atmosfera e immissioni in fogna non autorizzate, esercizio abusivo della professione, irregolarità nella tenuta dei registri di carico e scarico, lavoro in nero, abusivismo edilizio, le violazioni contestate. In particolare, a Castel Volturno è stata sequestrata un’area di circa 1.000 mq, pertinenza di una palazzina in cui risiedevano alcune famiglie di cittadini extracomunitari, in quanto utilizzata per l’allevamento abusivo di animali, mattatoio e deposito di rifiuti speciali di vario genere (scarti di lavorazioni edili, amianto, pezzi di carrozzeria e parti di motore di auto, nonché carcasse di animali). Le persone residenti sono state denunciate e gli animali custoditi sequestrati.

 

 





Leggi anche: