La Guardia di Finanza di Caserta ha sequestrato beni per 41 milioni di euro all'imprenditore Pasquale Piccirillo, 54 anni, titolare di imprese operanti nei settori sanitario, editoriale, delle telecomunicazioni e immobiliare. I sigilli riguardano quote societarie e complessi aziendali, e altri beni, in Lombardia, Lazio, Campania e anche in Svizzera.

Sequestrate 16 vetture; una moto; 128 immobili nel Casertano; 19 nel Napoletano; 2 nel Frusinate; 6 a Gaeta (Latina); 1 nell'Avellinese; 8 tra Roccaraso e Pescocostanzo (L'Aquila) e uno in Svizzera. Il provvedimento di sequestro è stato emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere: l'imprenditore - accusato di avere illecitamente accumulato patrimoni attraverso reati economico-finanziari - risulta coinvolto, tra il 2005 e il 2017, in procedimenti penali anche per l'accusa di truffa aggravata con l'acquisizione di fondi pubblici, appropriazione indebita e delitti tributari per evasione fiscale e per uso di fatture per operazioni inesistenti.





Leggi anche:


Cerca in google