Aveva preso parte ad un’estorsione nei confronti del titolare di un centro scommesse di Benevento nell’anno 2013, il trentottenne arrestato dagli uomini della Squadra Mobile di Benevento. Il giovane, compartecipe nel reato, aggravato dal metodo mafioso, insieme ad altri 3 coindagati, nell’ambito di un procedimento istruito dalla Procura Distrettuale di Napoli, a seguito dell’operazione denominata 'Zio D’America', effettuata dalla Squadra Mobile sannita, era stato riconosciuto colpevole e condannato in via definitiva lo scorso 3 ottobre. Giovedì l’epilogo della vicenda giudiziaria, quando gli agenti lo hanno rintracciato ed accompagnato presso il carcere di Benevento dove dovrà scontare la pena residua di cinque anni di reclusione.

 

 





Leggi anche:


asips

Cerca in google