Orta di Atella, video intervista all’estensore del Puc Valentino: 2.500 unità abitative da demolire
Select Category:
4383 visualizzazioni
Da: admin
3287 visualizzazioni
Da: admin
10286 visualizzazioni
Da: admin
5441 visualizzazioni
Da: admin
5759 visualizzazioni
Da: admin
39512 visualizzazioni
Da: admin
5742 visualizzazioni
Da: admin
10929 visualizzazioni
Da: admin
39076 visualizzazioni
Da: admin
12165 visualizzazioni
Da: admin
40416 visualizzazioni
Da: admin
34420 visualizzazioni
Da: admin
6241 visualizzazioni
Da: admin
5956 visualizzazioni
Da: admin
12919 visualizzazioni
Da: admin
3827 visualizzazioni
Da: admin
4412 visualizzazioni
Da: admin
4250 visualizzazioni
Da: admin
Il tg degli studenti dell'Università Vanvitelli - 25 maggio 2018
0:00:0
4343 visualizzazioni
Da: admin
4391 visualizzazioni
Da: admin
See all 342 videos
Views: 15471
Aggiunto: 2018-10-06
Categoria: Cronaca
Durata:
Tag:
Descrizione: Basterebbe solo fare nome e cognome: Claudio Valentino. Non ha bisogno di presentazione una video intervista all’estensore del Piano urbanistico del Comune di Orta di Atella. Il coestensore del Puc, assieme agli ingegneri Salvatore Di Costanzo e Adele Ferrante (attuale responsabile Utc), ai microfoni di Campania Notizie illustra l’impalcatura dello strumento urbanistico. E lo fa con una chiarezza insolita anche per uno come lui abituato a usare un linguaggio tecnico. Non perché sia un nostro servizio, ma l’intervista all’ingegnere Valentino rappresenta un “documento” a nostro avviso utilissimo per la comprensione del Puc. Consentiteci una sola considerazione oggettiva. Al netto dei posizionamenti politico-amministrativi sulla revoca o sulla variante generale siamo certi di una cosa: consentire a gente come Nicola Iovinella “Un saluto, un sorriso” e Salvatore Del Prete “Soldinus Magò”, due tra i principali attori che si sono abbuffati di soldi durante il boom edilizio di Orta di Atella, e come l’attuale sindaco Andrea Villano, che con la moglie ha costruito un palazzo abusivo che va abbattuto (affare di 800mila euro), di mettere le mani sul Puc sarebbe aggiungere macerie a macerie. E impedire che una volta e per tutte si ponga fine al sacco della città. Entrereste in una macelleria con l’insegna “Jack lo Squartatore”? Sarebbe una mattanza.