Riapre al pubblico dopo 40 anni la seicentesca Chiesa delle Donne della Certosa e Museo di San Martino. Con il progetto di restauro viene restituito alla città un monumento da molti mai visto. La chiesa dall’armoniosa facciata, accanto all’ingresso della Certosa di San Martino, ha una lunga storia iniziata dopo il divieto di ingresso alle donne nelle chiese delle Certose fin dall’origine dell’Ordine. Una proibizione confermata nel 1506 da Papa Giulio II, ribadita sia da Papa San Pio V, nel 1566-1572 con la Controriforma, che da Papa Benedetto XIV nel 1757. La soluzione di una chiesa esterna, con annesso giardinetto, piccola oasi di ristoro, fu realizzata intorno al 1590, negli anni del Priore Severo Turboli, a cui si deve il forte impulso innovatore che avrebbe trasformato l’intero complesso certosino.


Pasquale Ragozzino

 





Leggi anche:


Cerca in google

 

leisure_300x250.gif